L'amministrazione Natalia anticipa tutti vista la situazione di emergenza e prende i primi provvedimenti in favore di attività commerciali e cittadini dopo l'ultimo Dpcm. Il tema viabilità. La Ztl verrà infatti sospesa dal lunedì al sabato mentre resterà in vigore la domenica ed i giorni festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00; resta valido il divieto di sosta in Piazza Innocenzo III (ambo i lati) il sabato e la domenica dalle ore 09:00 alle ore 18:00.

«Faremo rispettare le norme contenute nell'ultimo Dpcm  - afferma il sindaco Natalia - ma crediamo che le categorie più colpite dai provvedimenti governativi vadano comunque sostenute dall'ente comunale per quanto in suo potere. La sospensione della Ztl prosegue ed una sua riduzione durante il fine settimana servono a sostenere le attività di ristorazione nella pratica dell'asporto di cibi e bevande che è, di fatto, l'unica consentita oltre le 18:00».

Altri provvedimenti di sostegno alle categorie colpite sia dal Covid che dalle normative anti-contagio sono allo studio. «Stavamo già progettando una misura fiscale volta alla sospensione del pagamento della rata dell'Imu del 16 dicembre prosegue fortunatamente, è sopraggiunta la decisione del governo centrale in tal senso. L'amministrazione sta però lavorando alla concessione di contributi per palestre, piscine e centri fitness chiusi a causa dell'ultimo Dpcm in quanto lo sport, proprio come quello della ristorazione, è uno dei settori profondamente danneggiati dalle serrate imposte da Roma».

«Inoltre, l'obiettivo è quello di aiutare concretamente la fascia over-70 della popolazione, quella cioè soggetta ad un rischio maggiore in caso di contagio da Covid, con l'istituzione di una apposita "task force" delle associazioni di protezione civile e volontariato per ripetere il progetto della spesa a domicilio già attuato durante il lockdown della scorsa primavera. Il virus è un nemico subdolo e pericoloso ma come amministrazione comunale ci troviamo anche a combattere la difficile battaglia contro la burocrazia che, molte volte, allunga eccessivamente i tempi di reazione degli uffici pubblici rispetto ad esigenze dei cittadini. Ecco perché stiamo velocizzando, per quanto possibile, l'espletamento delle pratiche per i progetti annunciati, in particolare per l'erogazione di contributi di sostegno».