"La differenza di opinioni non può mai essere un ostacolo insuperabile sulla strada del dialogo, ringrazio l'ECR per avermi proposto alla presidenza della delegazione permanente UE - Sud Asia e i colleghi parlamentari per il consenso ricevuto. La mia elezione, ma più in generale il ruolo centrale di presidente dei Conservatori Europei affidato a Giorgia Meloni, testimoniano ancora una volta la capacità di Fratelli d'Italia di tessere rapporti costruttivi e proporre una azione politica efficace, in Italia come in contesti internazionali".

E' quanto affermato dall'europarlamentare del gruppo ECR - Fratelli d'Italia, Nicola Procaccini, questa mattina nel suo discorso di insediamento dopo essere stato eletto presidente della Delegazione per le relazioni con i Paesi dell'Asia Meridionale, una delle 44 Delegazioni di Bruxelles che si occupano dei rapporti istituzionali con i Paesi extra UE.

"Si tratta di un compito che ritengo prestigioso e al contempo assai utile poiché l'organismo che sono stato chiamato a presiedere si occupa delle relazioni con un'area vasta, in cui vive quasi mezzo miliardo di persone - ha detto ancora Procaccini - La presenza dell'Italia a capo di questo organismo e il lavoro del gruppo dell'Ecr-FDI in tale contesto è molto importante nell'ottica del governo dei flussi migratori, visto che tante persone che arrivano in Italia per lavorare, specie nel settore agricolo, provengono da Paesi come Bangladesh, Sri Lanka e Pakistan che rientrano nella competenza della delegazione. Ma dovremo anche incentivare gli scambi commerciali e culturali con i Paesi dell'Asia meridionale, senza dimenticare l'aspetto fondamentale della tutela delle minoranze, del rispetto delle libertà religiose, dei diritti civili, e del ruolo della donna in un contesto geopolitico particolarmente importante e delicato".