Un convegno-dibattito sulla sanità, l'ambiente e lo sviluppo economico nella provincia di Frosinone, che si è trasformato in una sorta di stati generali di Fratelli d'Italia "in una sera d'agosto". Venerdì scorso a Pofi, nel ristorante "La tenuta di Trimalcione", i numerosi rappresentanti del partito di Giorgia Meloni intervenuti all'appuntamento, oltre ai temi in scaletta, hanno infatti discusso su strategie future, riorganizzazione territoriale dei quadri, creazione di gruppi di lavoro chiamati a raccogliere le esigenze della popolazione, particolarmente pressanti dopo le restrizioni dell'emergenza sanitaria.

Al tavolo dei relatori, insieme al presidente provinciale Paolo Pulciani, alla consigliera provinciale Stefania Furtivo e al moderatore Roberto Toti, si sono avvicendati gli autorevoli esponenti di FdI che hanno dato vita al dibattito. Ha aperto i lavori il presidente di Gioventù Nazionale, Daniele Massa, che ha ringraziato la folta platea portando anche i saluti del senatore Massimo Ruspandini, impossibilitato a partecipare per impegni sopravvenuti. Massa ha ricordato il ruolo svolto dai ragazzi di FdI nella crescita del partito in Ciociaria e le tante battaglie vincenti sostenute da Gioventù Nazionale. Dopo Massa, ha preso il microfono il sindaco uscente, candidato alle prossime comunali a Ceccano, Roberto Caligiore. «Vincere nella nostra città a settembre - ha dichiarato - sarebbe una ulteriore spinta per la crescita del partito».

Quindi è intervenuto Paolo Pulciani, che ha definito il convegno «un'occasione per riunire il partito dopo i lunghi mesi dell'emergenza», annunciando la creazione di gruppi di lavoro sui problemi del territorio. Ovvero, strutture capaci di rispondere alle esigenze dei cittadini, ma anche dirimere eventuali controversie nel partito. Al termine, il moderatore Toti ha riportato anche i saluti di un altro "assente giustificato", il presidente del consiglio provinciale Daniele Maura. Dopo Pulciani ha parlato Riccardo Del Brocco, promotore della lista "Grande Ceccano" che sostiene Caligiore. Lo ha seguito al tavolo dei relatori Fabrizio Pignalberi, presidente del movimento "Più Italia", che a sua volta ha lasciato il posto al consigliere di Isola Liri, Mauro Tomaselli, il più votato in provincia alle ultime comunali, che ha criticato aspramente il Ptpr regionale.

Dopo Tomaselli, ha mosso forti critiche alla gestione sanitaria della Sinistra, l'ex presidente della Provincia e già assessore regionale Antonello Iannarilli. Al termine, ha pronunciato un duro intervento sui problemi dell'ospedale di Cassino Angela Abbatecola, portavoce cittadina del partito. Le ha fatto eco l'ex sindaco di Torrice Alessia Savo, con una requisitoria sui mali della sanità ciociara. A tutto campo, invece, la relazione del vice-coordinatore regionale Antonio Abbate, che ha richiamato gli esponenti di Fratelli d'Italia a mettere da parte eventuali dissidi personali, per rafforzare la presenza territoriale di un partito che si candida a governare l'Italia. Alessandro Foglietta ha criticato la politica sanitaria della Regione. Stefania Furtivo, ottima "padrona di casa", ha lanciato invece un appello a lavorare assiduamente per il bene della nostra provincia, criticando aspramente la riforma Delrio che ha ridimensionato questo ente primario.
Ha chiuso i lavori il capogruppo regionale di FdI Fabrizio Ghera con un perentorio atto di accusa contro le scelte ambientali della Giunta Zingaretti.