Roberto De Donatis vicino a Fratelli d'Italia. È quanto auspica il senatore Massimo Ruspandini, che alla domanda sul futuro politico dell'architetto sorano, che potrebbe entrare nel suo partito, non ha lasciato spazio a doppie interpretazioni: «Speriamo, ma non è semplice». Ruspandini ci sta lavorando personalmente, con tanto di "corteggiamento" a De Donatis in vista delle elezioni nella quarta città della provincia.

I due si sono incontrati lunedì pomeriggio al primo piano del palazzo comunale, alla presenza del gruppo consiliare di FdI. «Si è parlato di politica, guardando al futuro - ha detto il senatore - Siamo contenti che il sindaco De Donatis abbia riconosciuto agli uomini e alle donne di Fratelli d'Italia il ruolo che hanno svolto in una fase così delicata, a dimostrazione che è una persona di cui ci si può fidare». Dichiarazioni che fanno trapelare una profonda stima, che in politica vuol dire molto. Anzi significa tutto, se si condividono anche i progetti. Certamente il tavolo di lavoro resta aperto e le trattative sono in corso per la prossima campagna elettorale, ma la partita è tutta da impostare.

Bisognerà valutare la strategia e attaccare prima degli altri per non giocare in difesa. I "mal di pancia" sull'avvicinamento del senatore a De Donatis non sono tardati. Intanto Forza Italia, a gamba tesa, è pronta a tornare nella maggioranza con nuovi tesserati. «Ci siamo confrontati con spirito disteso su tutti gli argomenti trattati. Il gruppo di Fratelli d'Italia ha dimostrato grande senso di responsabilità», ha detto il sindaco al termine dell'incontro, riservando valutazioni positive su come si è mosso il gruppo di FdI durante le ultime votazioni in Consiglio comunale, quando era ancora fresca la ferita del ritiro della delega ai Lavori pubblici al consigliere Bruni.

«Ora FdI valuterà la mia proposta. Ho offerto al gruppo consiliare di ricoprire un ruolo di grande responsabilità nell'Amministrazione riequilibrando i rapporti interni. La delega arriverà appena il partito sarà pronto», conclude De Donatis. E nei prossimi giorni, per accettare la delega che presumibilmente sarà all'Urbanistica, occorrerà prima un incontro interno a Fratelli d'Italia, come ha spiegato il senatore Ruspandini.