Stazione Tav nel Cassinate: la battaglia ha inizio. Per la prima volta dopo la conferenza stampa nella quale veniva individuato il comune di Ferentino come possibile per la location della stazione dell'Alta Velocità (era il 23 aprile e la conferenza si tenne in Regione alla presenza dell'assessore ai trasporti De Micheli e del governatore Zingaretti), si riunisce a Cassino il tavolo tecnico per ribadire la bontà del progetto che era stato già avviato: quello cioè che prevede la stazione Tav nel Cassinate.

Ha ancora senso questa battaglia dopo la conferenza stampa in cui Regione e Governo hanno individuato già la stazione a Ferentino? Sembra di sì. Perchè, oltre le slide, non c'è nulla di ufficiale. Nel protocollo d'intesa pubblicato sul Burl si parla infatti di una stazione dell'Alta Velocità da individuare sulla tratta Cassino-Roma, ma non che sia stata già scelta Ferentino. E quindi il Cassinate insiste sullo studio già presentato a RFI dove si evidenzia che il Cassiante è baricentrico rispetto alla tratta in questione. Per questo ieri al Cosilam, alla presenza del presidente Marco Delle Cese, del consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli, del vice presidente della provincia Luigi Vacana, del presidente della consulta dei sindaci Enzo Salera (e di alcuni sindaci del territorio) e del rettore dell'Unicas Giovanni Betta, si è tornato ad insistere sull'argomento.

La nota del Cosilam
A margine della riunione il presidente del Consorzio Marco Delle Cese comunica che «è stata ribadita l'importanza, in termini di ricadute socio-economiche, di una stazione dell'Alta Velocità in provincia di Frosinone sottolineando la soddisfazione degli investimenti in programma nel nostro territorio. Il rettore Giovanni Betta si farà promotore di un incontro con l'Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato Battisti. Sull'argomento il tavolo ha deciso di proseguire l'approccio prettamente tecnico che ha caratterizzato il lavoro svolto fino a ora e che ha portato a una fitta collaborazione con Reti Ferroviarie Italiane. In ultimo è stato anche rimarcato il massimo impegno relativamente agli investimenti per la creazione del Casello autostradale di Roccasecca».

E la Tav arriva in Parlamento
Tuttavia i partecipanti al tavolo, seppur tutti concordi nel volere la stazione Tav nel Cassinate, hanno avuto approcci molto differenti. Cautela e pragmatismo trapela dal sindaco Enzo Salera, che si sofferma sull'aspetto tecnico e dice: «Noi dobbiamo far valere la tesi secondo cui non è possibile avere una stazione dell'Alta velocità 10 minuti prima di un'altra (il riferimento è a Ferentino con Roma Termini) e non è baricentrica: il Cassinate - come si evince dallo studio del professor D'Apuzzo - avrebbe invece un'utenza di quasi un milione e mezzo di persone perchè abbraccia il Lazio Meridionale, il Nord della Campania e il Molise». Territori ai quali, come ha fatto notare il vice presidente della provincia Vacana, andrebbe aggiunto anche l'Abruzzo.

L'aspetto tecnico non è invece sufficiente per il sindaco di Aquino Libero Mazzaroppi che tramite l'onorevole Nencini porterà la questione all'attenzione del Parlamento con apposita interrogazione al ministro dei trasporti De Micheli. Spiega Mazzaroppi: «Purtroppo la valenza tecnica non sempre ha la meglio sulla volontà politica, lo abbiamo già visto in occasione dell'aeroporto che si è tentato di fare su una collina a Ferentino». E a proposito di Ferentino fa notare quello che potrebbe diventare un conflitto di interessi: il presidente della Provincia Antonio Pompeo è infatti sindaco di Ferentino.

Quindi Mazzaroppi evidenzia: «Dobbiamo smascherare chi tenta di danneggiare questo territorio».
Il consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli ha evidenziato come stesso la Regione ha detto che «non c'è alcuno studio di fattibilità per la stazione a Ferentino, ma che si rimanda tutto al Protocollo d'Intesa». Anche Mario Abbruzzese, già presidente del Cosilam, fa sentire la sua voce: «Bisogna continuare a crederci, non ci fermeremo. La programmazione che era stata avviata si sta concretizzando: a breve anche il casello autostradale a Roccasecca».