Ladri in trasferta, in sella a una bici, provano a colpire ancora, ma vengono allontanati. Nei guai due uomini napoletani, di 35 e 43 anni, nei confronti dei quali la polizia ha più di un fondato motivo per ritenere che siano gli autori dei furti registrati nei giorni scorsi, soprattutto nei garage delle ville tra Cassino e il Cassinate.

Una sorta di “predisposizione”, quella che gli uomini del vice questore Alessandro Tocco hanno notato nei due campani, appassionati delle due ruote da trovare e portare via. Diversi i furti, soprattutto di bici da corsa (di significativo valore economico) denunciati di recente in zona Fontana Rosa, nella zona a cavallo tra Cassino e il Cassinate. E nelle ultime ore anche lungo la Casilina sud.

Secondo le ipotesi degli inquirenti sembrerebbe che gli autori dei colpi arrivino spesso in treno. Poi, portato a casa “il risultato” vadano via in fretta, senza lasciare traccia. Anche per questo la polizia ha intensificato molto i controlli nelle stazioni ferroviarie, per bloccare i pendolari del crimine.

I precedenti

Furti senza sosta tra Cassino e il Cassinate persino durante le giornate di festa. Malviventi a spasso tra ville e abitazioni isolate non hanno lasciato tregua ai residenti neanche a Natale e Santo Stefano. Diversi gruppi di ladri si sono visti nelle campagne di Cassino, in via Appia e verso Cervaro e San Vittore, apponendo anche dei lacci per segnalare quale casa prendere d’assalto. Fino a poco tempo fa in zona San Nicola erano stati notati fiocchi o pezzi di stoffa sui cancelli per indicare quale casa svaligiare. E in quali tempi. Gli episodi continuano a susseguirsi di giorno e di notte, soprattutto nelle periferie, tanto che il comitato Solfegna Cantoni ha lanciato un nuovo forte appello alle forze dell’ordine. Il problema è legato al fatto che i delinquenti non entrano più in azione solo nelle ore serali, ma anche in pieno giorno sfruttando basisti.

Lo sviluppo

Gli agenti del Commissariato di Cassino dovranno ora stabilire se i due campani, denunciati per tentato furto e ricettazione - e allontanati sia dal comune di Cassino che da quello di San Vittore - possano essere gli autori anche degli altri colpi seriali ai danni di cittadini appassionati di ciclismo. E di quelli che hanno ripulito, proprio in questi giorni di festa, garage e scantinati.