Gli esperti l’hanno già chiamata “irruzione artica”. Una vera e propria sciabolata meteorologica che sta portando da ieri temperature molto basse, vento gelido e neve anche a mediaquota. Una situazione eccezionale che ha indotto la Pisana, ad esempio, a prendere delle opportune contromisure. «Sono stati predisposti - si legge in una nota - quantitativi di sale per supportare i Comuni nell’eventuale difficoltà di gestione ordinaria della manutenzione stradale. Sono stati consegnati 84 bancali (ogni bancale circa 10 quintali di sale) per 63 Comuni interessanti».

Nello specifico a Frosinone e provincia 20 bancali per 13 Comuni. Sono state preallertate tutte le associazioni dotate di mezzi ed attrezzature per lo sgombero di neve e per la salatura delle strade. «Si ricorda che la Sala Operativa Permanente è attiva 24 ore su 24 e per qualsiasi tipo di necessità o segnalazione è possibile chiamare il numero 803.555». Per la provincia di Frosinone si tratta dell’Epifania più fredda dal 1985. Nel capoluogo, ad esempio, la temperatura oggi scenderà fino a un grado, mentre a Campo Catino è previsto un -18°C e -10°C a Fiuggi e a San Donato Valcomino, valori che potrebbero essere oltretutto acuiti dall’effetto del vento forte.

Primi fiocchi nel Cassinate

Nella notte di mercoledì la neve è caduta su Viticuso, Vallerotonda e Acquafondata. Le temperature sono rimaste basse per tutto il giorno, stabilizzandosi su -4°C. Un clima rigido che porta con sé quindi il problema del ghiaccio. I sindaci si sono subito attivati con gli spazzaneve e lo spargimento del sale.

A Sora protezione civile in allerta

Nella zona del Sorano e della Valle di Comino il maggior rischio di neve. Ieri mattina il sindaco Roberto De Donatis ha indetto nel suo ufficio una riunione tecnica per predisporre piani, uomini e mezzi in caso di emergenza. «È nostra volontà avere le idee chiare e rispettare il Piano di Protezione Civile da poco presentato - ha spiegato il primo cittadino. All’incontro, oltre alla parte tecnica del Comune di Sora, c’erano il comandante della polizia locale, il vicesindaco Baratta, il consigliere Caschera e i volontari della protezione civile. Abbiamo già 10 gruppi elettrogeni in caso d’emergenza e 10 imprese pronte a intervenire tempestivamente».

Intanto, nella notte scorsa, è stata effettuata l’operazione di spargimento del sale sulle maggiori arterie cittadine, con particolare riguardo a quelle che conducono all’ospedale. La raccomandazione è quella di non prendere l’auto se non in caso di stretta necessità e, ovvia- mente, di assicurarsi che sia dotata di pneumatici da neve o catene. Anche a Veroli tutti in massima allerta con i mezzi spargisale che da ieri sono entrati in azione.