Dopo la Giulia si punta tutto sullo Stelvio. L’anno produttivo in casa Alfa si è concluso il 23 dicembre con il direttore dello stabilimento cassinate, Sebastiano Garofalo, che prima del suono della “campanella” ha radunato operai, tecnici e ingegneri per congratularsi dell’ottimo lavoro fatto e dei successi raggiunti.

I cancelli riapriranno martedì 3 gennaio 2017. E dopo qualche settimana, molto probabilmente a metà gennaio, ci sarà il “Job One”: dalla linea produttiva cassinate uscirà il primo Stelvio “fatto in casa”.

L’accento è stato posto anche sulle nuove sfide che vedrà protagonista nell’immediato lo stabilimento Fca cassinate. Nonostante il suv non sia ancora arrivato sul mercato la casa del Biscione ha deciso di non perdere tempo e si è impegnata già a variare la gamma con diverse versioni: oltre al modello base e al top di gamma Quadrifoglio, ci sarà anche lo Stelvio Veloce, una versione intermedia del suv.

Intanto in attesa dello sbarco di Giulia negli Stati Uniti, anche il cugino Stelvio fa girare la testa fuori dai confini italiani e tremare le concorrenti tedesche. Infatti per gli appassionati inglesi la novità del 2017 più attesa è il suv Alfa Romeo, votato - in un’indagine online dell'autorevole magazine AutoExpress - dal 30% dei lettori. Con questo risultato Stelvio, che dovrebbe essere appunto commercializzato in Gran Bretagna nel secondo semestre del prossimo anno, ottiene il doppio delle preferenze rispetto alla recente nuova generazione della Bmw Serie 5 (15%).