Trovato senza vita a vent’anni. Un giovane di nazionalità nigeriana è stato rinvenuto morto ieri mattina in una baracca di legno in via Ospedale, nei pressi della stazione ferroviaria di Isola del Liri Superiore. Sul posto, non appena è stato dato l’allarme, sono arrivati i carabinieri e il medico legale. Secondo indiscrezioni, il giovane, Idris Umaru classe 1996, sarebbe morto per cause naturali anche se il magistrato ha disposto l’esame autoptico sulla salma, trasferita nella tarda mattinata di ieri all’ospedale Santa Scolastica di Cassino.

L’intero quartiere è rimasto scioccato dalla notizia. «Abbiamo notato un gran movimento nella stradina che porta alla stazione - racconta un anziano del posto -. Qui ci conosciamo tutti. Appena saputo cosa era successo ci siamo tutti interrogati sul come e, soprattutto, sul perché. Purtroppo si rimane senza parole davanti alla morte di un ragazzo di vent’anni, qualsiasi siano la sua nazionalità e il colore della sua pelle». Un quartiere, questo, in cui oltre alla stazione è ubicato anche l’ex ospedale di Isola del Liri. «Spesso qui gira strana gente - commenta una residente di via Ospedale - e servirebbero controlli continui, più agenti». Non è ancora chiaro se il giovane fosse un richiedente asilo e da quanto tempo viveva in quella baracca di legno. I carabinieri hanno avviato una serie di indagini che faranno luce su quanto accaduto.