Sarà l’anno della svolta. Sarà l’anno degli States. Nel 2017 dopo tanti anni di crisi, di cassa integrazione e di contratti di solidarietà, tutti gli operai del sito di Piedimonte San Germano rientreranno in fabbrica. Non solo: partiranno anche nuove assunzioni. Ma molto dipenderà dagli Usa, come risponderà il mercato di Oltreoceano alla Giulia e al Suv Stelvio. Dunque per Fiat Chrysler Automobiles il 2017 potrebbe essere un anno cruciale soprattutto per quello che riguarda gli Stati Uniti.

Infatti nel gruppo italo americano di Sergio Marchionne si aspetta con trepidazione l’inizio del nuovo anno per vari motivi. Innanzitutto perché agli inizi del prossimo mese di gennaio vi sono due appuntamenti importanti dove, molto probabilmente, Fca sarà protagonista con una serie di novità tra cui la più importante sarà la prima auto totalmente elettrica che dovrebbe essere mostrata a Las Vegas e dovrebbe essere una Chrysler Pacifica. Ma il 2017 è importante anche da un altro punto di vista. Il 20 gennaio, infatti, vi sarà l’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca e vi è grande interesse di sapere quali saranno le prime mosse del neo presidente degli Stati Uniti, soprattutto per quanto concerne il settore auto dopo le promesse fatte in campagna elettorale.

Trump infatti aveva annunciato l’intenzione di voler penalizzare l’importazione di auto dall’estero con dazi sino al 35%. Altra data fatidica per il gruppo Fca è sempre nel mese di gennaio, e più precisamente il 17 gennaio, quando farà il suo esordio sul mercato del Nord America nei concessionari l’Alfa Giulia. Visti questi importanti appuntamenti che attendono la casa automobilistica italo-americana, l’ad di Fca Sergio Marchionne ha annunciato un suo intervento. Il 9 gennaio, mentre a Piedimonte riapriranno i cancelli per tutti gli operai - sia quelli della linea della Giulia che della Giulietta - a Detroit è attesa una conferenza stampa dell’amministratore delegato Sergio Marchionne, il quale dovrebbe fare il punto della situazione per il suo gruppo specialmente per quello che riguarda gli Stati Uniti. Inoltre, si dovrebbe iniziare a delineare il quadro in relazione allo sviluppo delle nuove tecnologie da parte di Fca, in considerazione del fatto che proprio la prossima settimana si conosceranno i dati di vendita del mercato nord americano.