Stamattina i carabinieri di Anagni hanno arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e atti persecutori un 40enne del luogo, già censito per reati analoghi per essere stato già denunciato nel 2007 e nel giugno di questo anno.

Il 40enne, nonostante la separazione in atto conseguente i maltrattamenti continui, continuava a vivere nella stessa abitazione e questa mattina a seguito di una lite per futili motivi ha iniziato a percuotere con calci e pugni l'ex coniuge 39enne sottraendole anche il suo cellulare allo scopo di impedirgli di chiamare aiuti.

Per fortuna i vicini di casa, sentendo le urla, hanno chiamato i carabinieri che si sono portati immediatamente sul posto arrestando l'uomo in flagranza di reato. La donna per le lesioni subite è stata ricoverata nell’ospedale di Frosinone dove si trova tuttora, mentre l’arrestato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo disposto dall’Autorità Giudiziaria.