Ultimi giorni, esattamente dieci, per votare il teatro romano di Ferentino e farlo diventare un luogo del FAI, per chiederne il recupero e la riapertura al pubblico. È iniziato il countdown dell’ottava edizione del censimento nazionale organizzato dal Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

Numerosi i cittadini che si stanno mobilitando ancora oggi per raccogliere firme a favore delle realtà territoriali a loro più care, con comitati che si sono registrati sul sito www.iluoghidelcuore.it. Doppio l’obiettivo che stimola a partecipare a questa iniziativa davvero unica: la realizzazione di un intervento diretto per i primi 3 classificati, a cui verranno destinati 50.000, 40.000 e 30.000 euro sulla base di specifici progetti d’azione.

Inoltre i luoghi che riceveranno almeno 1.500 voti potranno presentare una richiesta per un intervento da parte di FAI e Intesa Sanpaolo, secondo le linee guida che verranno diffuse nel 2017 dopo l’annuncio dei risultati e sulla base delle quali verranno selezionati i beneficiari di altri contributi economici fino a 30.000 euro. Infine il luogo più votato sul web verrà premiato con la realizzazione di un video promozionale.

«Siamo ormai alle fasi finali della raccolta voti per il censimento dei Luoghi del cuore FAI, il comitato per il Teatro Romano di Ferentino - sottolinea il responsabile gruppo FAI Giovani Frosinone, Alessandro Cocco - si appresta a raccogliere quanti più voti possibili negli ultimissimi giorni di raccolta mentre il Comitato per il teatro comunale di Fiuggi festeggia l’inserimento del loro bene fra i luoghi del cuore FAI avendo superato la soglia dei 1500 voti. Faccio un ultimo grande appello ai cittadini affinché contribuiscano in questi ultimi giorni alla raccolta voti che potrebbe significare molto per il Teatro Romano soprattutto in ottica di promozione turistica e culturale. La data ultima per dare il proprio voto è quella del 30 novembre. I risultati definitivi saranno comunicati a febbraio 2017 in una conferenza stampa indetta dal Fondo Ambiente Italiano».