Occhio alle truffe. Oggi alle 16 al teatro comunale di Alvito, la Questura di Frosinone, in collaborazione con il Comune, organizza un incontro con la cittadinanza e le forze sociali del territorio per illustrare loro le iniziative intraprese per arginare e reprimere il fenomeno.

Accolti dal sindaco di Alvito, Duilio Martini, interverrà con un indirizzo di saluto il questore di Frosinone, Filippo Santarelli, quindi i funzionari della Questura di Frosinone: Carlo Bianchi, vice questore aggiunto; Cristina Rapetti, vice questore aggiunto e capo di gabinetto; Cristina Pagliarosi direttore tecnico capo-psicologo e Tiziana Belli responsabile sezione Polizia postale delle Telecomunicazioni.

Il fenomeno delle truffe agli anziani ha visto di recente un aumento delle denunce presentate soprattutto dagli ultrasessantacinquenni: rispetto al 2015 si parla di un aumento di oltre il 19 per cento mentre nel Lazio, grazie anche a una capillare opera di informazione, si registra una certa diminuzione.

Le campagne di sensibilizzazione portate avanti dalla polizia hanno prodotto effetti positivi: ora gli anziani sono sempre più informati. Tra le truffe più ricorrenti molte si consumano tra le mura domestiche: a bussare alla porta finti appartenenti alle Forze dell’ordine o finti tecnici del gas o della luce e, di recente (complice involontario il sisma in centro Italia) finti ispettori dell’ufficio tecnico del comune.