Un cittadino rumeno, 40 anni, latitante, è stato arrestato dagli agenti della Sottosezione Autostradale di Frosinone.

L’uomo, accusato di far parte di un'associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti di rame all’interno di complessi industriali, nei giorni scorsi era sfuggito all’arresto nel corso di un’operazione effettuata ad Udine conclusasi con l’arresto di altri sette componenti del sodalizio, in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla locale Procura della Repubblica nell’ambito di un’articolata indagine che aveva portato alla luce decine di furti commessi all’interno dei depositi di diverse aziende situate in Friuli e Veneto.

L’uomo nella mattinata odierna era stato segnalato lungo l’autostrada  A/1, in direzione sud, a bordo di uno dei furgoni utilizzati per la commissione dei furti.

Il Centro Operativo della Polizia Stradale di Settebagni ha predisposto il posizionamento delle pattuglie lungo il tratto autostradale considerato la possibile via fuga. Vistosi braccato l’uomo ha tentato la fuga uscendo dal casello di Ferentino, ma dopo aver percorso alcuni chilometri sulla via Monti Lepini in direzione Latina è stato intercettato e bloccato da un equipaggio della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone.

Il rumeno è stato quindi arrestato e condotto presso il carcere di Frosinone a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Udine. Anche il furgone Mercedes sul quale viaggiava è stato sottoposto a sequestro in esecuzione al decreto emesso dal Tribunale di Udine perché facente parte dei veicoli utilizzati per la commissione dei furti ed il trasporto del materiale trafugato.