Dopo l’installazione di un autovelox fisso sull’Anticolana in territorio di Acuto, ne spunta un secondo. Questa volta mobile e in
territorio di Piglio. La pericolosità dell’Anticolana, arteria che collega il casello per entrare in autostrada fino alla città termale, è nota a tutti. E a quanto pare non bastano i lavori di nuovo asfalto per aumentare la sicurezza. Il problema è quello dell’alta velocità, e così la polizia locale di Piglio da ieri ha installato uno strumento per rilevare l’alta velocità dei veicoli tra il chilometro 8.500 e 9. La novità ovviamente è stata notata dagli automobilisti che segnalano però come non ci siano cartelli per informare della presenza dell’autovelox mobile. «La speranza - ci dicono - è che questi accorgimenti non siano solo per fare cassa». Comunque, automobilisti avvisati: sull’Anticolana c’è un secondo autovelox, seppure temporaneo.