Una modifica ai requisiti stabiliti nella legge di bilancio potrebbe permettere a ulteriori 160 lavoratori della ex Vdc di accedere al regime pensionistico. Il via libera riguarda operai e impiegati che, a differenza di altri 340 colleghi,erano rimasti in quel limbo provocato dalla famigerata legge Fornero.

La svolta si è avuta ieri pomeriggio, grazie all’approvazione di un emendamento sollecitato dalla senatrice Maria Spilabotte al sottosegretario Luigi Bobba. La commissione parlamentare ha, infatti, espresso parere favorevole all’ammissione ai profili che permettono il prepensionamento. «Considerando che circa trecento lavoratori sono rientrati nella salvaguardia che abbiamo ottenuto precedentemente – fa notare la parlamentare del Pd – se anche altre 160 persone usufruiranno di tale beneficio, grazie all'emendamento che ho sollecitato, andranno in pensione cinquecento ex dipendenti».

Sempre in tema di salvaguardia occupazionale c’è ancora da definire il decreto che riconosce il Sistema locale del lavoro di Frosinone come area in situazione di crisi industriale complessa. «In settimana – aggiunge la senatrice Spilabotte - il governo verrà a rispondere in Commissione su questo tema, ma già il decreto apre delle possibilità poiché rende possibile una nuova serie di interventi: sia immediati per il sostegno ai lavoratori in difficoltà, sia di prospettiva per facilitare investimenti per il rilancio dello sviluppo di un settore del nostro territorio da tempo in difficoltà ma che ha grandissime potenzialità di crescita».

La senatrice del Partito Democratico fa anche notare che «la cassa integrazione straordinaria sarà prolungata di 12 mesi per tutti quei lavoratori che la esauriranno entro il 31 dicembre 2016. Per chi è rimasto senza alcun ammortizzatore sociale è previsto un nuovo sussidio da 500 euro al mese per un anno, condizionato però alla disponibilità ad intraprendere percorsi formativi o di riqualificazione professionale indicati dalle Regioni. Il Governo e la Regione Lazio non lasciano solo nessuno. Penso anche alla questione della ex Videocon: come Vice Presidente della Commissione Lavoro ho seguito da vicino la vicenda con l’assessore regionale Valente e nel correttivo al 148 del jobs act abbiamo avuto particolare attenzione. Inoltre - conclude la senatrice Spilabotte - grazie a questo provvedimento Frosinone potrà accedere ad incentivi e finanziamenti straordinari pensati e stanziati dal Governo proprio per le aree di crisi complessa».