Faito-Cucugnano, psicosi da furto. Nel pomeriggio di martedì i soliti ignoti hanno visitato per la ennesima volta la villetta di una famiglia; la padrona di casa era uscita di casa poco prima delle 17, ed appunto alle 5 del pomeriggio i malviventi, dopo aver segato le grate metalliche, sono entrati saccheggiando la casa di valori e beni. Hanno però lasciato delle tracce di sangue, che scoperte dai carabinieri della Compagnia saranno di certo utili, si spera, per le indagini che sono immediatamente partite.

Cresce la paura

I continui furti nelle abitazioni isolate, che vedono la contrada di Faito Cucugnano sicuramente la preferita dai ladri, hanno convinto i residenti a riunirsi per chiedere interventi mirati e decisi. Le forze dell’ordine, in primis naturalmente i carabinieri, pattugliano la zona modulando e modificando gli orari di ronda, ma evidentemente il “grande fratello” che sembra coordinare i raid dei malfattori può contare su informatori e delatori presenti h/24 nel vastissimo quartiere.

L’area nel mirino

La zona va infatti dalla via Anticolana ai confini con Paliano, estendendosi per decine anzi centinaia di ettari collegati da una ragnatela di strade e sentieri. Alcuni residenti, dopo le azioni ladresche dei giorni scorsi (3 furti in 4 giorni!), chiedono oltre alla massima vigilanza effettuata dalle forse dell’ordine, la installazione di telecamere nei punti nevralgici, convinti che l’occhio elettronico possa beccare e registrare le targhe da sottoporre ad analisi e controllo. È possibile, anzi probabile che almeno alcuni dei furti sia stato effettuato da persone che, lasciato il mezzo abbastanza lontano, abbiano raggiunto l’obiettivo prescelto a piedi, per poi allontanarsi con le sacche del bottino e far perdere le proprie tracce. Una circostanza sicuramente facilitata dalla vicinanza con la via Casilina e la via Anticolana. Massima allerta nella vasta e popolosa zona ai confini con altri comuni.