Intensa attività di controllo, la notte scorsa, nel territorio dei carabinieri di Priverno, in collaborazione con i colleghi delle stazioni di Prossedi, Sonnino e Maenza. Tutte le operazioni sono state predisposte dalla compagnia di Terracina e coordinate dal capitano Margherita Anzini. Nel corso della serata e della nottata tra sabato e domenica sono state portate a termine, con soddisfacente risultato, diverse operazioni. Proprio per effettuare un capillare controllo del territorio, erano stati predisposti tre contemporanei posti di blocco a Borgo Sant’Antonio, nel centro urbano di Priverno, sulla strada regionale 156 dei Monti Lepini e sulla superstrada Frosinone–mare. Sulla Regionale 156, al chilometro 28 e 500, nella frazione di Ceriara, a seguito di una segnalazione, i militari dell’Arma hanno rinvenuto un’autovettura Alfa Romeo 156 che, sembra, fosse ferma lì da almeno un
giorno.

I carabinieri privernati, subito intervenuti, accertavano che l’auto risultava rubata, il 18 ottobre scorso, a Balsorano, in provincia de L’Aquila. La sorpresa era, però, quella di trovare all’interno dell’autovettura un fucile semiautomatico, di marca Benelli, calibro 12, anch’esso risultato oggetto di furto, perpetrato, però, in provincia di Frosinone. Nel corso delle operazioni di controllo, predisposte dal capitano Margherita Anzini, i carabinieri lepini effettuavano, inoltre, tre perquisizioni, controllavano 60 persone e 45 automezzi. Sono state anche elevate 24 contravvenzioni al Codice della Strada per 1.390 euro, tre controlli con precursori etilometrici e sequestrata un’automobile sulla Frosinone–mare. Sono stati, inoltre, controllati cinque esercizi pubblici.