Chiesto il rinvio a giudizio di uno straniero accusato di violenza sessuale su una ragazzina di dodici anni. I fatti risalgono al 18 luglio di due anni fa. La presunta vittima, dodici anni compiuti nel marzo precedente, residente a Frosinone, mentre si trovava
nella città di Giove sarebbe stata avvicinata dall’indagato, Mangat Ram, indiano di 34 anni, domiciliato a Monte San
Biagio. Il trentaquattrenne avrebbe abbracciato la ragazzina da dietro, stringendola e palpeggiandola sul seno. Denunciato
l’episodio, sulla vicenda ha aperto un’inchiesta il sostituto procuratore della Repubblica di Latina, Maria Eleonora Tortora, indagando lo straniero con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di una minorenne.

E ora, chiuse le indagini, il sostituto Tortora ha chiesto un processo per l’indiano. A pronunciarsi sulla richiesta e a decidere
dunque se rinviare lo straniero a giudizio sarà il giudice per l’udienza preliminare Pierpaolo Bortone. I familiari della minore del capoluogo ciociaro, oggi 14enne, potranno in quella sede costituirsi parte civile. Non è tra l’altro il primo episodio del genere che si registra a Terracina con vittime bambini e adolescenti, tanto che in passato sono scattati anche alcuni arresti.