Quasi 50 anni fa Rodari scrisse un articolo mettendosi dalla parte dei genitori sui modi di insegnare ai ragazzi ad odiare la lettura.

Sembrerà strano che  uno scrittore e pedagosista metta nero su bianco le modalità per non mettere in atto un comportamento.

Invece, oggi risulta essere un vademecum prezioso e attuale che semplifica in maniera chiara e coincisa come presentare in maniera ottimale un libro ad un bambino partendo da ciò che non si deve fare.

Di seguito vengono presentati i nove modi per insegnare ad odiare la lettura:

1 PRESENTARE IL LIBRO COME UN’ALTERNATIVA ALLA TV

Spesso capita di invogliare i bambini alla lettura presentando il libro come una valida alternativa, vietando al momento stesso l’azione che si sta mettendo in atto come sbagliata. La lettura va presentata come un momento esclusivo e non alternativo.

2 PRESENTARE IL LIBRO COME L’ALTERNATIVA AL FUMETTO

Spesso si pensa che il fumetto sia più divertente di un libro e si presenta al bambino come una alternativa più divertente e meno impegnativa.

3 DIRE AI BAMBINI DI OGGI CHE I BAMBINI DI UNA VOLTA LEGGEVANO DI PIU’

Il paragonare i bambini gli uni dagli altri non è costruttivo ne per chi lo fa e ne per i bambini stessi.

4 RITENERE CHE I BAMBINI ABBIANO TROPPE DISTRAZIONI

Tutto dipende dal tipo di distrazione, se la distrazione è costruttiva ben vengano le distrazioni e se una distrazione viene chiamata LIBRO ancora meglio.

5 DARE LA COLPA AI BAMBINI SE NON AMANO LA LETTURA

I bambini apprendono per imitazione, un genitore che legge avrà un figlio che sicuramente amerà la lettura.

6 TRASFORMARE IL LIBRO IN UN STRUMENTO DI TORTURA

Libro come strumento di amore e condivisione.

7 RIFIUTARSI DI LEGGERE AL BAMBINO

Rifiutarsi di leggere ad un bambino che non sa ancora leggere è come negare il diritto di imparare attraverso le parole di una storia con la voce di chi lo ama.

8 NON OFFRIRE UNA SCELTA SUFFICIENTE

Al proprio figlio nella vita si cerca di offrire il meglio delle possibilità e delle scelte. Anche nella lettura si dovrebbe fare lo stesso, dare la possibilità di scegliere e di guidare il bambino verso una lettura piuttosto che un’altra.

9 ORDINARE DI LEGGERE

L’imposizione di una cosa crea l’effetto contrario, cioè quella di non farla.

La lettura di un libro non è una tecnica che bisogna eseguire, ma si apprende nel corso della vita sin da piccoli attraverso l’amore e l’autenticità della relazione che si instaura anche in quel momento tra genitore e figlio.

"Grazie alle storie i bambini capiscono che il mistero non li ucciderà. Grazie alle storie scoprono di avere un futuro", Bernad Malamud