Evade dai domiciliari per rubare calze della befana e dolciumi in un supermercato della parte bassa del capoluogo. L'uomo, un 39enne di Frosinone, è stato identificato dalla Polizia di stato grazie al protocollo d'intesa nato per iniziativa del Ministero dell'Interno "Mille occhi sulla città", che prevede la collaborazione tra forze di polizia e istituti di vigilanza privata. 

I fatti

Intorno all'una di stanotte l'operatore Cot della Questura ha diramato alle Volanti sul territorio la nota di un furto in un supermercato. Giunti sul posto, gli agenti della squadra mobile hanno preso contatto con l'addetto alla sicurezza privata che aveva dato l'allarme, il quale ha potuto fornire delle informazioni fondamentali circa l'aspetto, l'abbigliamento e la direzione di fuga del ladro. Basandosi su tali informazioni, i poliziotti si sono recati a casa di un uomo che corrispondeva alla descrizione e che conoscevano in quanto sottoposto a misura di arresti domiciliari per reati precedenti. L'intuizione si rivela esatta: il 39enne non è in casa. 

Tornati sul luogo del furto, gli agenti visualizzano i filmati dalle telecamere di videosorveglianza dell'attività commerciale e si convincono ancora di più che il ladro in fuga e l'evaso dai domiciliari possano essere la stessa persona. Pattugliando le strade, i poliziotti scovano l'uomo in un viottolo vicino al luogo del furto, riescono a circondarlo e a bloccarlo. 

Il 39enne, vistosi in "trappola" accusa un malore, tale da richiedere l'intervento dei sanitari. Una volta in Questura l'uomo si sente nuovamente male, ha una crisi di panico e il suo stato di agitazione induce gli agenti ancora una volta a chiamare un'ambulanza che lo trasporta al pronto soccorso dell'ospedale Spaziani di Frosinone. 

Il frusinate è stato denunciato per furto, evasione e resistenza a pubblico ufficiale.