«Non penso al ballottaggio, ma non perché non ci arrivo. Semplicemente perché credo che possiamo vincere al primo turno. Non è una battuta». Così Fabrizio Cristofari, candidato a sindaco del Partito Democratico. Ha spiegato: «Stiamo facendo un grande lavoro e ritengo che abbiamo le carte in regola per farcela subito. In ogni caso, è chiaro che se al secondo turno dovessi arrivare con il sindaco uscente, mi rivolgerei ulteriormente a tutti le persone di buona volontà». Pochi minuti fa la candidatura a sindaco di Fabrizio Cristofari è stata ufficialmente presentata nella sede della federazione provinciale del Pd. Con lui tutti i big del partito, «a dimostrazione dell'unità», come ha specificato lo stesso Cristofari. Il quale ha voluto lanciare un appello a Michele Marini (assente). Rilevando: «Lui è una risorsa di questo partito e ci sarà sempre un posto di primo piano, per lui o per chi vorrà lui. In maggioranza o nell'Amministrazione (perché vinceremo noi). Poi i tanti temi programmatici toccati: dall'ambiente alla mobilità, dal contrasto alle povertà al sociale. Sul piano politico Fabrizio Cristofari ha acceso i riflettori anche sulla volontà di confrontarsi subito con i Socialisti di Gianfranco Schietroma (che però hanno un candidato sindaco: Vincenzo Iacovissi) e con Area Popolare di Alfredo Pallone. Poi ha chiosato: «Nessuno di voi credeva che avremmo riunito il Pd. Adesso riuniremo anche il centrosinistra».