Un evento che si preannuncia entusiasmante quello che si terrà oggi presso il palazzetto dello sport “Città di Frosinone” in viale Olimpia, per l’inaugurazione della nuova Cittadella Cielo, sorta in via Tommaso Landolfi.

La Cittadella è stata fondata dalla Comunità Nuovi Orizzonti di Chiara Amirante ed è un’opera nata per dare speranza a chi l’ha perduta, migliorando le condizioni sociali delle persone disagiate.

Il programma dell’iniziativa è davvero di prim’ordine: si inizia con la messa al palazzetto dello sport, presieduta dal Vescovo Ambrogio Spreafico. Sul finire della funzione, sarà Andrea Bocelli ad intervenire per 10 minuti e a regalare alla platea un’esibizione, cantando l’Ave Maria con accompagnamento di Andrea Griminelli. Poi alle 13.30 il taglio del nastro alla Cittadella Cielo.

Nel pomeriggio, dalle 15 in poi, all’interno del palazzetto si potranno gustare gli interventi e le esibizioni di personaggi noti: ad aprire sarà Lorella Cuccarini che eseguirà dei brani scelti. Dopo di lei Nicola Boricchi racconterà la sua esperienza a Nuovi Orizzonti. Alle 15:30 Nek canterà “Unici”, alle 16 Chiara Amirante presenterà la Cittadella Cielo. Successivamente sul palco salirà Suor Cristina del talent show The Voice, proponendo il pezzo “I Surrender”.

Si proseguirà con una testimonianza di Matteo Marzotto e la performance di Raf. Alle 17.40 Amedeo Minghi e infine, alle 17.50, un intervento di Ennio Doris.

Non mancheranno i rappresentanti delle istituzioni. Alle 18 parlerà il sindaco Nicola Ottaviani, in seguito il consigliere regionale Marino Fardelli, il quale porterà i saluti del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, e il presidente della provincia Antonio Pompeo.

Chiara Amirante, la fondatrice della Comunità Nuovi Orizzonti, ha iniziato le sua attività sociale negli anni ‘90 e ad oggi vanta una grande esperienza nel campo della gestione dei centri d’accoglienza: «I numeri delle grandi forme di disagio che caratterizzano la nostra società - spiegano i soci di Nuovi Orizzonti - sono davvero inquietanti. Basti pensare che sono 150 milioni i ragazzi di strada nel mondo, 325 milioni di bambini subiscono abusi ogni anno, un miliardo di persone soffrono per la fame e in Italia l’80% dei giovani sono vittime delle nuove forme di disagio: abuso di sostanze stupefacenti e di alcool, dipendenza da gioco. E poi la bulimia, l’anoressia. È quindi fondamentale cercare sempre nuovi progetti per favorire l’inclusione e il recupero dei più sfortunati. La Cittadella è uno di questi».