Corse clandestine di cavalli su una strada pubblica mentre in tutta Italia la popolazione era ed è barricata in casa per contrastare il diffondersi della pandemia di coronavirus. Una storia che ha visto per protagonisti gli appartenenti ad una nota famiglia rom della città e che ha già fatto il giro d'Italia attirando l'attenzione di tutti i media nazionali. Una vicenda che sta facendo scalpore, suscitando rabbia e sconcerto in tutti coloro che ne sono venuti a conoscenza. E sono stati davvero tantissimi visto che i protagonisti, con grande sfrontatezza e in spregio ad ogni norma e legge, hanno addirittura pubblicato i video della loro bravata sui propri profili Facebook. 

Una storiaccia che ovviamente non è passata inosservata e che ha immediatamente fatto scattare le indagini dei carabinieri della Compagnia di Sora, dove il fatto si è verificato, che in pochissimo tempo sono risaliti agli "attori" dell'episodio denunciandone in stato di libertà quattro, tutti, come detto prima, appartenenti ad una nota famiglia rom della città. 

I reati loro contestati sono quelli di interruzione di pubblico servizio, maltrattamento di animali e organizzazione di competizioni non autorizzate tra animali che possono mettere in pericolo l'integrità fisica, tutti in concorso.

I FATTI

Alle 16.30 di ieri - è la ricostruzione dei carabinieri contenuta in una nota inviata in redazione - i 4 hanno organizzato e partecipato ad una corsa clandestina tra due calessi trainati ciascuno da un cavallo di razza sconosciuta e condotti da uno degli indagati, mentre 4 auto condotte dai complici, alcuni individuati, scortavano i calessi occupando l'intera carreggiata. Tutte le auto sono state sequestrate penalmente. Quanto ai cavalli sono in corso le ricerche per trovarli. Tutti gli indagati sono stati sanzionati amministrativamente, per il reato di manifestazione non autorizzata, per un totale di 233,34 euro. I due conduttori dei calessi sono stati sanzionati amministrativamente anche il reato di competizione sportiva su strada senza autorizzazione per 173,00 euro. 

E così, mentre la città è deserta, mentre i cittadini con enorme senso civico e tanta fatica restano in casa rispettando le regole, a Sora oggi è accaduto l'inverosimile.

In pieno giorno, in questa domenica di Pasqua, su una delle strade principali della città, è andata in scena una corsa clandestina di cavalli. Una famiglia rom, molto nota nella zona e non nuova a simili episodi, ha ben pensato di organizzare la gara approfittando delle strade deserte. 

Numerosi i video che sono circolati in rete insieme allo sdegno dei cittadini che hanno invocato pene esemplari e severe. "Non vogliamo che come al solito restino impuniti" - ha scritto qualcuno sui social.

Alcuni video sono stati pubblicati sui social addirittura dagli stessi "organizzatori" della corsa clandestina. Un vanto che è però costato loro caro. Sulla vicenda è stata aperta un'indagine e, secondo alcune indiscrezioni, proprio in queste ore, alcuni membri della famiglia rom sarebbero stati fermati. 

di: La Redazione