Quarantaquattro i multati ieri dai carabinieri. Ancora troppi gli irresponsabili in giro senza una valida motivazione. A Cassino i militari hanno sorpreso il titolare di un esercizio commerciale specializzato nella vendita di prodotti tipici africani, a maneggiare le confezioni alimentari senza indossare mascherina e guanti di protezione. Nei suoi confronti l'immediata chiusura dell'attività per 5 giorni.

E da nord a sud della Ciociaria sono tante le persone che invece di stare in casa escono senza comprovate esigenze. Ad Anagni multato un sessantacinquenne di Morolo e un trentanovenne del posto. Tra Frosinone, Pofi, Ripi e Supino sono state sanzionate sei persone.
A Monte San Giovanni Campano sanzionavato un trentenne di Boville Ernica e un ventiseienne ed un trentottenne del posto. Dai carabinieri di Vicalvi multato un trentaduenne gambiano residente a Sora, che sottoposto a controllo nella serata del 7 aprile a Posta Fibreno, risultava trovarsi al di fuori della propria abitazione senza giustificato motivo; nei guai anche un sessantottenne e settantunenne di Alvito.

A Sora, i militari della locale stazione hanno multato sette persone, mentre Cassino, sorprese cinque persone, di cui quattro residenti fuori dal comune di Cassino, che non fornivano valide giustificazioni circa la loro presenza fuori dai Comuni di residenza e pertanto sono stati sanzionati. A Cervaro multate sette persone non del posto. Tra Sant'Elia Fiumerapido, Piedimonte San Germano e Sant'Apollinare, i militari hanno provveduto a sanzionare amministrativamente sei persone sorprese aggirarsi a piedi o in auto senza giustificati motivi. Ad Alatri, Vico nel Lazio e Fiuggi multati un ventenne, un quarantatreenne e un cinquantottenne romeni.