La tradizionale processione storico-rievocativa del Venerdì Santo non si svolgerà quest'anno, ma il coro dei Crociferi ha voluto lo stesso sottolineare l'importanza di un appuntamento che, ad Alatri, è vissuto sempre in forma molto partecipata. Venerdì prossimo non ci saranno i costumi, i tamburi, il canto delle Miserere, ma non verrà meno lo spirito di questa giornata intensa.

"Siamo attoniti, stupiti, disorientati e, come Maria, siamo in difficoltà. Ma dobbiamo vivere questo tempo con fiducia e con speranza. Oggi possiamo solo riflettere e pregare, rivedere immagini d'epoca, cantare il Miserere e prepararci alla Pasqua come se fosse tutto normale, tutto come ogni anno", scrivono i componenti del coro. Con un'immagine evocativa ma intrisa di dolore, il Venerdì Santo, in questo 2020, sarà presente "Nelle ombre di chi ci ha preceduto. Lo sappiamo perché sentiamo vivi i nostri avi, soprattutto in quella notte. Non resta che spolverare le vesti che erano già pronte e utilizzate di nuovo tra dodici mesi"