Lo scarso senso civico continua a fare danni in città nonostante l'obbligo di restare a casa. Nel quartiere di San Rocco, in centro, i soliti incivili lasciano cartacce e bottiglie vuote vicino a una delle panchine del Lungoliri, poco distante dal ponte lamellare Cristini chiuso ormai da anni. Purtroppo il centro cittadino è bersagliato da chi non ha rispetto per gli spazi comuni e per i monumenti.

Impossibile dimenticare gli atti vandalici consumati all'interno del parco Santa Chiara all'inizio dell'anno e i più recenti imbrattamenti con la vernice spray sui muri del distretto sanitario C di via Piemonte e su un ingresso laterale della chiesa di Santa Restituta. Ma presto le cose potrebbero cambiare.

Ad annunciare la linea dura contro i vandali è stata l'amministrazione comunale all'indomani di quanto accaduto in pieno giorno in piazza Mayer Ross, dove un gruppetto di adolescenti è arrivato addirittura a spaccare delle sedie, riposte in un piccolo vano dal Comune.

I cittadini hanno più volte chiesto l'installazione di telecamere, apparecchi che nell'area dell'ex cinema Capitol ci sono, ma che ancora devono essere attivate.
Ad avere le idee chiare su come contrastare il fenomeno è il neo comandante della polizia locale Paolo Rossi, che appena finita l'emergenza saprà come agire.

«Per quanto riguarda il problema degli atti vandalici in centro - ha detto Rossi - credo che oltre all'azione repressiva delle forze dell'ordine sia necessario un impegno, anche della polizia locale, nelle scuole percorsi di educazione stradale e cultura della legalità».

Il comandante si mostra ben disposto ad arginare la problematica che negli ultimi mesi si è manifestata in diversi punti della città. Rossi, però, non pensa solo al centro, ma vorrà controllare anche la periferia. Infatti ha previsto che, quando si tornerà alla normalità, verrà disposta una maggiore presenza dei vigili urbani sia in centro che in periferia attraverso un'attenta programmazione. Sperando che basti a scoraggiare i vandali.