Davide contro Golia, una lotta impari tra il buon senso e la trasgressione, la voglia di uscire. Ancora tante, troppe, le persone in giro. Ieri giorno in cui si sarebbe dovuto tenere il mercato settimanale se fossimo stati in tempi "normali", c'erano i banchi di quello rionale - più del solito - e c'era gente in giro, guanti e mascherine, ma uno accanto all'altro. I controlli ci sono ma non sempre sufficienti: una parte di cittadini continua a uscire prendendo sottogamba le restrizioni. Troppi i denunciati che si muovono tra Cassino e il Cassinate.

«Mi hanno fermato i vigili - ha detto una signora - ero uscita per andare a fare la spesa ma, come mio solito, sono andata nel supermercato di fiducia. Mi hanno contestato che ne avevo uno a 50 metri da casa e che avrei potuto fare lì la spesa. Non mi hanno multata ma ho preso una bella ramanzina. Ma ero sempre all'interno del territorio comunale». Le forze dell'ordine sono al lavoro senza sosta, il territorio comunale è grande ed è difficile agire contemporaneamente. Se qualcuno è infatti "costretto" a uscire per esigenze, per un'urgenza o per provvedere ai bisogni della famiglia, continuano a esserci persone che escono quotidianamente, intenti a preparare la Pasqua e la Pasquetta come se niente fosse.
Non mancano segnalazioni su chi non rispetta le regole. Sacrificio sì, ma sembra non per tutti.

Il monito del sindaco
Il sindaco Enzo Salera nel consueto appuntamento con i cittadini è tornato a rimarcare l'importanza di restare in casa. «Questa e la prossima sono le due settimane decisive, è necessario stare in casa. E se proprio dovete uscire - dice il primo cittadino - fatelo in maniera ordinata, altrimenti vengono vanificati tutti gli sforzi dalla maggior parte dei cittadini che restano in casa». Ieri si è registrato il primo caso positivo del mese di aprile: si tratta di un ottantenne che è stato trasferito allo "Spaziani" di Frosinone. Dal 3 marzo il numero dei positivi in città sale dunque a quota 26. Sul fronte economico ci sono invece buone notizie. Il primo cittadino spiega con orgoglio: «È stato ascoltato dalla Regione il grido d'allarme che abbiamo lanciato sugli affitti. È stato presentato ieri il contributo agli affitti delle tantissime aziende e negozi della regione e, quindi, anche della città che stanno subendo un grave danno economico».

Computerbus e solidarietà
Giovedì sera, intanto, la maggioranza si è riunita su zoom. A ragguagliare sulle novità è stata la delegata all'Istruzione Maria Concetta Tamburrini. Che poi ha annunciato: «Da lunedì partirà il servizio Computerbus. Ovvero tramite i bus scolastici saranno consegnati i dispositivi agli alunni che non hanno possibilità di seguire le lezioni online. Le tre dirigenti scolastiche stanno facendo un gran lavoro e, anche grazie ai finanziamenti ricevuti, stiamo soddisfacendo tutte le esigenze. Prosegue anche l'attività dell'asilo nido con le educatrici che quotidianamente hanno un rapporto virtuale con i piccoli, così come all'Infanzia».

Buone notizie anche sul fronte del volontariato: i Servizi sociali, in collaborazione con alcuni studi odontoiatrici, offrono il servizio di riparazione gratuita a domicilio di protesi dentarie rotte. «Il servizio - spiega l'assessore Luigi Maccaro - è rivolto agli anziani e alle persone in condizione di disagio sociale».