Uscita si, uscita no. C'è molta confusione sull'argomento ma in realtà le regole sugli spostamenti non cambiano. La circolare del ministero dell'Interno del 31 marzo si è limitata a chiarire alcuni aspetti interpretativi sulla base di richieste pervenute al Viminale.

In particolare, è stato specificato che la possibilità di uscire con i figli minori è consentita a un solo genitore per camminare purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione e in occasione di spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute''. 

Lo precisa una nota del Viminale. Ma i medici di famiglia lanciano l'allarme e avvertono: "E' pericoloso". Soprattutto non c'è nessun allentamento dei controlli. Solo ieri sono state denunciate 6700 persone, 39 per aver volato la quarantena.