L'ipotesi è allo studio del manager della Asl Stefano Lorusso e del direttore sanitario Patrizia Magrini: spostare Pneumologia da Cassino a Frosinone. Ed Ematologia dal capoluogo a Sora. Un progetto naturalmente temporaneo, per fronteggiare l'emergenza determinata dalla pandemia da Coronavirus. Nell'ottica di una strategia ormai consolidata, dal momento che l'ospedale Fabrizio Spaziani di Frosinone è un "hub" di riferimento Covid-19.

E infatti negli ultimi venti giorni si è completamente trasformato, attraverso quello che in gergo tecnico viene definito un processo modulare. Cioè alcune discipline sono state sistemate altrove per ricavare posti letto per pazienti Covid-19. Pneumologia è un reparto chiave nella "guerra" al Coronavirus, soprattutto sul fronte delle polmoniti. E a Cassino c'è una struttura di eccellenza, che quindi sarebbe molto preziosa. L'operazione potrebbe realizzarsi con lo spostamento di Ematologia da Frosinone a Sora. Ma naturalmente si stanno analizzando e soppesando tutti gli aspetti. Perché Ematologia è un reparto strategico e importante. Se da un lato la "lontananza" da un ambiente Covid non sarebbe sbagliata, dall'altro si parla comunque di un settore assai delicato.

Sul versante dei possibili rinforzi dell'organico, "i nostri" sono arrivati con il contagocce. Ci riferiamo all'avviso urgente che qualche giorno fa era stato diramato dalla Asl.
Rivolto a tutti i medici che erano andati in pensione dal 1 gennaio 2017. Erano state indicate anche le specializzazioni: Malattie Infettive, Medicina e Chirurgia d'accettazione e d'Urgenza, Igiene, Epidemiologia, Anestesia e Rianimazione, Microbiologia e Virologia, Radiodiagnostica, Cardiologia, Medicina Trasfusionale, Patologia clinica, Nefrologia, Medicina interna.
Dalle strette maglie del riserbo filtra che non hanno risposto in molti: sette, al massimo otto. Ma di questi soltanto due o tre sono andati in pensione negli ultimi tre anni. E quindi hanno i requisiti per poter tornare in servizio. Ad ogni modo viene sottolineato che parliamo comunque di professionisti di alto livello. Pochi ma buoni insomma.

Allo Spaziani ci sono 26 posti letto dedicati al Coronavirus a Malattie Infettive. Mentre al terzo piano è ormai pienamente operativo il reparto Medicina Covid-19: i posti letto in totale sono 40.
Ma si sta lavorando per un ulteriore aumento di posti per i malati di Coronavirus: 20  posti per l'esattezza. Servono però medici e infermieri. Infine, Terapia intensiva: 22 posti.