Non solo le telecamere per arginare i furbetti delle differenziata. Il Comune di Cassino vara anche un altro, importante provvedimento, per andare incontro alle esigenze dei cittadini in difficoltà. Dopo aver annunciato la sospensione del pagamento delle strisce blu, ora la giunta Salera allarga il campo anche ad altre imposte comunali. Il primo cittadino renderà noti tutti i dettagli nell'ormai tradizionale appuntamento "virtuale" con i cittadini di Cassino tramite la pagina Facebook.

Nella sostanza dei fatti la giunta che si è riunita ieri via skype ha deliberato di sospendere il pagamento di tutte le tasse comunali nella città di Cassino. "La sospensione è prevista dall'8 marzo al 31 maggio sia per i cittadini che per le imprese. Naturalmente, se la crisi dovuta al coronavirus malauguratamente dovesse prolungarsi - spiega il primo cittadino - siamo pronti anche ad allungare questo periodo. Abbiamo inoltre prorogato il provvedimento relativo alle strisce blu fino alla fine delle restrizioni imposte dal Governo sulla circolazione e spostamenti a carico di persone e imprese, ad oggi fissata al 3 aprile, ma che presumibilmente sarà nuovamente prorogato.

Infine, un'importante notizia per i genitori che non dovranno pagare la retta mensile di frequenza relativa ai servizi socio-educativi comunali (asilo nido comunale, mensa scolastica, trasporto scolastico), ma solo i giorni di effettivo utilizzo del servizio che i ragazzi hanno già avuto. In un momento di grande difficoltà economica il Comune di Cassino - chiosa il sindaco Salera, che detiene anche la delega ai tributi - sta cercando di dare il massimo e venire incontro alle esigenze dei cittadini".

E sempre a proposito di economia, per meglio fronteggiare l'emergenza coronavirus, il primo cittadino si è appellato anche al Governo, nella persona del ministro dell'Economia Gualtieri. E in una lettera inviata stamane ha chiesto, a nome dei Sindaci della Consulta, "che possa essere data attuazione, il prima possibile, al Decreto "Cura Italia" al fine di immettere liquidità nel circuito economico-finanziario a sollievo delle piccole e medie imprese già sofferenti per la pregressa situazione e prive di qualsiasi tipo di entrata da diversi giorni".