"Alla luce dei diversi casi di persone residenti a Cassino che hanno contratto il virus Covid 19, considerata la preoccupazione generata da possibili contagi nella Città martire e nei Comuni limitrofi, chiedo al Sindaco di Cassino Enzo Salera di attivare l'Unità di crisi ossia porre in essere le procedure per l'attivazione del Centro Operativo Comunale così come previsto dall'articolo 1 comma 1 del Decreto Legge numero 6 del 23 febbraio 2020.

Il Centro Operativo Comunale una volta istituito avrà le funzioni in tema di unità di coordinamento, sanità, volontariato, assistenza alla popolazione, comunicazione, servizi essenziali e mobilita".

A lanciare l'appello al primo cittadino è il vicepresidente provinciale di Fratelli d'Italia Gabriele Picano. Il sindaco Enzo Salera, tornato immediatamente al timone del Comune dopo tre giorni di ricovero in ospedale fa luce sulla questione e spiega: "Già nella serata di venerdì scorso abbiamo avuto una riunione per quel che riguarda il San Raffaele con il direttore sanitario della struttura, il direttore della Asl, il prefetto, il questore e il comandante provinciale dei carabinieri Cagnazzo.

Sono state adottate tutte le misure previste dai protocolli e già nella serata di venerdì è stato disposto il blocco dei ricoveri al San Raffaele. Non abbiamo attivato il Coc - utile più che altro in casi di calamità - ma c'è una cabina di regia che sta gestendo la situazione attentamente e che è coordinato dal dottor Mascia del commissariato di Cassino che si interfaccia con il mio direttore dell'area tecnica, dottor Lastoria, i vertici della Asl ed ovviamente io ed il prefetto. Tutto procede secondo i protocolli già dalla serata di venerdì e anche durante i giorni del mio ricovero in ospedale c'è stato un costante contatto con il vice sindaco Carlino".