Coronavirus, in Ciociaria sono ancora troppe le persone che non rispettano le nuove misure  per il contenimento ed il contrasto del diffondersi del virus COVID -19 sull'intero territorio nazionale, a seguito dell'entrata in vigore del D.P.C.M. del 9 marzo. I controlli da parte delle forze dell'ordine sono serrati su tutto il territorio e nella sola giornata di ieri sono stat denunciate 36 persone. Durante la settimana appena trascorsa cento erano state le persone denunciate. Tra queste sette gestori di esercizi commerciali. 

Raffica di denunce per inosservanza dei provvedimenti dell'Autorità

Ad Acuto i militari della locale Stazione hanno denunciato quattro persone, un 49enne ed una 45enne della provincia di Roma, un 49enne di Ceccano ed un 57enne di Veroli, i quali nonostante le prescrizioni imposte dal DPCM, venivano sorpresi a bordo delle rispettive autovetture nel centro abitato, senza poter fornire giustificazioni e/o dimostrare comprovate esigenze circa la loro presenza sul posto;

A Ferentino i militari della locale Stazione, hanno denunciato un 35enne ed un 23enne, entrambi di Anagni e censiti per reati sugli stupefacenti, i quali venivano controllati mentre viaggiavano a bordo dell'auto di proprietà del 23enne, inottemperanti al predetto Decreto, in quanto senza poter fornire alcuna valida giustificazione;

A Cassino i militari della Sezione Radiomobile della locale Compagnia, hanno identificato due coniugi, un 36enne ed una 30enne della provincia di Caserta, mentre camminavano senza alcuna valida motivazione nel centro cittadino. Difatti, a seguito di richiesta degli operanti, rispondevano di essersi recati a Cassino per pranzare unitamente ad un amico, cosa poi rivelatasi non veritiera
I carabinieri hanno poi controllato ed identificato un cittadino pakistano 23enne, della provincia di Taranto, un 29enne di Pontecorvo ed un 53enne di Aquino, i quali si aggiravano a piedi senza motivazioni valide per le vie di Cassino, inottemperanti alle prescrizioni del previsto Decreto, per cui provvedevano nei loro confronti a norma di Legge;

Ad Atina i militari della locale Stazione, hanno denunciato un 50enne del posto. L'uomo, a seguito di una segnalazione pervenuta al 112 della Compagnia di Cassino, veniva controllato dai militari operanti, i quali atteso che l'uomo era sprovvisto di autocertificazione, provvedevano a chiedergli chiarimenti in merito. L'uomo riferiva che stava recandosi presso l'abitazione di un conoscente per consegnargli delle attrezzature agricole. Dagli immediati accertamenti effettuati, non risultava veritiero quanto dichiarato dallo stesso che pertanto veniva segnalato ai sensi della normativa in vigore;

A Piedimonte San Germano i militari della locale Stazione hanno denunciato tre cittadini egiziani, tutti residenti in Cassino, rispettivamente un 22enne, un 21enne ed un 20enne, in quanto venivano controllati a bordo di un'auto mentre si aggiravano senza comprovate necessità per le strade del centro cittadino, in violazione alle norme previste;

A Sant'Elia Fiumerapido i militari della locale Stazione, hanno denunciato un 47enne di Cassino, il quale veniva controllato a bordo della propria autovettura in una zona periferica del paese, senza poter fornire una comprovata necessità circa la sua presenza sul posto;

A San Giorgio a Liri e Pignataro Interamna i militari della Stazione Carabinieri di San Giorgio a Liri, hanno controllato ed identificavano otto persone, di età compresa tra i 33 ed i 70 anni, tutti della zona, che circolavano nei suddetti comuni a bordo delle loro rispettive auto senza una comprovata necessità;

Ad Ausonia i militari della locale Stazione hanno denunciato due persone di Cassino, un 73enne ed un 70enne, i quali venivano sorpresi a giocare a tennis nel locale campo sportivo comunale;

Ad Alatri la locale Stazione Carabinieri ha denunciato una coppia di 39 anni, domiciliati a Frosinone, in quanto venivano controllati nel citato centro mentre circolavano a bordo dell'auto senza una comprovata necessità; il personale dell'Aliquota radiomobile della locale Compagnia, deferiva in stato di libertà due persone, un 32enne di Frosinone (gia' censito per stupefacenti, armi, falso e danneggiamento) ed un 26enne, di Vico nel Lazio. I prevenuti circolavano nel citato centro a piedi senza una comprovata necessità. Inoltre, il 26enne veniva anche denunciato per "falsita' ideologica commessa da privato in atto pubblico" in quanto mostrava ai militari operanti un' autocertificazione relativa all'emergenza Covid-19 riportante notizie palesemente false, in quanto secondo la dichiarazione avrebbe dovuto recarsi a fare la spesa, necessità che certamente avrebbe potuto soddisfare in Vico nel Lazio;

A Fiuggi i militari della locale Stazione Carabinieri, unitamente alla Polizia locale, hanno denunciato due persone di 30 e 26 anni residenti nel citato centro, che venivano sorprese mentre sostavano in una piazza della cittadina termale senza un valido motivo;

A Filettino i militari della locale Stazione, hanno denunciato due persone di 27 e 21 anni,  residenti entrambi in provincia di Roma e già censiti per reati contro la persona ed il patrimonio, i quali venivano controllati mentre circolavano in paese a bordo di un'autovettura senza fornire agli operanti una comprovata motivazione in merito;

A Boville Ernica i militari della locale Stazione, hanno denunciato un 23enne ed un 39enne, rispettivamente di Strangolagalli e Veroli, i quali a bordo delle rispettive auto circolavano in paese senza una valida e comprovata giustificazione.