#iorestoacasa, l'hastag che campeggia un po' ovunque eppure c'è ancora qualcuno che non ha capito. L'Italia sta vivendo un periodo drammatico, inutile negarlo come è inutile nascondere che divieti e limitazioni alla propria libertà non fanno piacere a nessuno. Un conto, però, è trasgredire quando in ballo c'è addirittura la salute. Mentre l'Oms ha dichiarato lo stato di pandemia, mentre l'ultimo decreto del Governo ha ribadito l'importanza di stare a casa per contenere i contagi da coronavirus, a Coreno Ausonio qualcuno pensa bene di uscire lo stesso.

Uscire non per certificati motivi di lavoro o esigenze di salute, ma per una cena tra amici. Questo è quanto è stato raccontato da tre persone adulte ai carabinieri della stazione di Ausonia quando sono state fermate per un controllo mentre erano in auto, e con loro c'erano anche due bambini. In giorni in cui il servizio dell'Arma è diventato particolarmente intenso, i tre avrebbero pensato bene di passare la quarantena a casa di amici, ma mentre stavano rincasando i militari non hanno lasciato correre e per loro è scattata la denuncia. Particolare che lascia anche da pensare è il fatto che in auto con le tre persone deferite, come detto, viaggiavano anche due bambini, esposti così ad un inutile rischio.