Un appello ai titolari degli esercizi commerciali ad andare incontro alle esigenze dei commercianti costretti alla chiusura a causa del dilagare del Covid 19. A rivolgerlo è il sindaco di Cassino Enzo Salera: "Stiamo vivendo uno dei momenti più difficili che la storia del nostro Paese e l'intero mondo possa ricordare. Una crisi sanitaria, sociale ed economica senza precedenti. Le giuste restrizioni del governo che probabilmente andranno ad aggravarsi nei prossimi giorni hanno dato un duro colpo a settori produttivi importanti della nostra città e del nostro territorio. Tante attività e con loro tante famiglie, infatti, stanno pagando il prezzo più alto di queste chiusure forzate."

"Il mio appello - dice Salera - va a tutti i proprietari locatori degli immobili commerciali e di negozi di Cassino. Questa grande solidarietà che la nostra città sta mettendo in campo in queste ore attraverso il volontariato o le donazioni va allargata sempre di più. E sarebbe bello se i proprietari dei locali commerciali venissero incontro agli affittuari che sono stati costretti a chiudere nei giorni scorsi e hanno grandi difficoltà a pagare gli #affitti mensili. Sono tanti i messaggi che mi sono arrivati in privato da molti commercianti, da piccoli imprenditori e professionisti che svolgono la loro attività in locali in affitto e che hanno grandi, grandissime difficoltà a pagare non essendoci stati introiti da giorni e giorni. Voglio lanciare questo appello in attesa dei provvedimenti di sostegno del governo che spero possano andare a coprire la maggior parte delle perdite, perché molti sono già in ritardo con il pagamento del canone di marzo. Ed il rischio è che se questo periodo dovesse prolungarsi si metta davvero a rischio la chiusura di tantissime attività e, di conseguenza, anche i futuri affitti. È un appello che faccio a voi tutti perché quando tutto sarà finito, riusciremo a rialzarci, ma solo se lo faremo tutti insieme".

Sempre per quel che riguarda il commercio, ma in questi casi gli ambulanti, non quelli del posto fisso, c'è un'altra novità: domani non si terrà il consueto mercato settimanale. Il provvedimento era previsto già nel Dpcm, il primo cittadino si è riunito in prefettura con tutti i sindaci ed al termine della riunione ha spiegato: "In osservanza del DPCM del 11 marzo e a seguito della riunione tecnica tenuta questa mattina, si comunica che il mercato settimanale del sabato è sospeso, ad eccezione dei prodotti alimentari che si potranno continuare ad acquistare nel rispetto delle norme di sicurezza, come d'altronde avviene all'interno di supermercati e alimentari. Si raccomanda tutta la Cittadinanza di uscire di casa solo per il minimo indispensabile e di adottare tutte le misure di sicurezza atte a prevenire la diffusione del virus".