Sono stati intensificati su tutto il territorio nazionale i controlli su quanti escono di casa: tutte le forze dell'ordine sono sulle strade per verificare se chi si sposta, in auto o a piedi, ha l'autocertificazione e, nel caso ci sia, se i motivi illustrati sono reali. Una vera stretta anche in questo senso, quindi, finalizzata ad evitare il più possibile, com'è nelle finalità dei vari decreti emanati dal Governo, le uscite da casa senza giustificate ragioni. Che, lo ricordiamo, sono tre: lavoro, salute, impellenti necessità (spesa alimentare, acquisto farmaci e affini).

Solo nella giornata di ieri, in tutta Italia sono state denunciate 161 persone e sono state elevate centinaia di multe (da 206 euro, e non è ben chiaro se si tratta di contravvenzioni di semplice natura amministrativa o di ammende che potrebbero avere anche conseguenze sulla fedina penale).

I controlli sono ovviamente in atto anche su tutto il territorio della provincia. Tutte le forze dell'ordine hanno istituito posti di blocco e controlli a tappeto affinché i soliti "furbetti" non escano di casa senza un valido motivo, così mettendo a rischio la propria salute e quella degli altri. Per combattere il Coronavirus ed arginare l'epidemia, è indispensabile che ognuno resti in casa e che esca solo per uno dei motivi prima ricordati. E sempre munendosi della fondamentale autocertificazione. 

Nelle foto: i carabinieri e la polizia locale di Alatri in un posto di blocco in uno dei punti nevralgici della città, l'incrocio di "Bitta".