Il comune di Frosinone ha disciplinato l'attività del commercio ambulante in questo periodo di particolare emergenza per l'epidemia del Coronavirus.

"L'amministrazione comunale - è scritto in una nota diffusa poco fa - in attuazione della normativa nazionale vigente, dell'ordinanza del Presidente della Regione Lazio e delle indicazioni fornite dal Prefetto di Frosinone ai fini dell'adozione di misure urgenti previste in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, ha stabilito che le attività dei mercati rionali e dei mercati settimanali proseguiranno la propria attività a condizione di adottare misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone. Il tutto, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro tra i visitatori.

Conseguentemente, è stata disposta la turnazione degli ambulanti nel mercato settimanale del giovedì di Piazzale Europa, con il dimezzamento dei banchi, oltre che nel mercato settimanale del Centro Storico e in quello di Piazza Salvo D'Acquisto, stante l'elevato numero dei soggetti autorizzati rispetto alla superficie disponibile, mentre per il mercato rionale settimanale di Piazza Bellini non è stata ravvisata la necessità di una turnazione, stante le consistenti dimensioni dello spazio dell'area mercatale rispetto al numero degli ambulanti autorizzati.

Al contrario, il mercato del sabato di Piazza Vienna - Località Cavoni - in relazione all'entrata in vigore del D.P.C.M. 9.3.2020, non potrà essere svolto, stante l'obbligo di chiusura nei giorni festivi e prefestivi degli esercizi commerciali all'interno dei mercati. A tal fine, per lo svolgimento degli indicati mercati, l'Ufficio Commercio ha predisposto gli elenchi relativi alle turnazioni programmate.

Inoltre, l'Amministrazione ha disposto di limitare l'occupazione dei posti ai soli ambulanti titolari di autorizzazioni, evitando temporaneamente la presenza dei cosiddetti "spuntisti", con l'obbligo per ciascun ambulante di esporre agli utenti le misure igienico-sanitarie di cui all'allegato 1 del D.P.C.M. dell'8 marzo 2020, reperibile sul sito dell'Ente".