Coronavirus- A seguito dell'entrata in vigore del D.P.C.M. del 9 marzo u.s., relativo alle nuove misure per il contenimento ed il contrasto del diffondersi del virus COVID 19 sull'intero territorio nazionale sono scattati i controlli. Controlli serrati anche in provincia di Frosinone e denunce a chi non rispetta i provvedimenti imposti.

In particolare, i carabinieri hanno potenziato i servizi di controllo del territorio proprio per controllare che le regole vengano rispettate. 

I risultati dei controlli in Ciociaria
Diverse le denunce per "inosservanza di un provvedimento dell'Autorità":

A Veroli, i militari della Stazione di Boville Ernica alle 19,00 circa di ieri hanno notato un bar ancora aperto e con all'interno tre avventori. Il titolare, un 61enne del luogo è stato denunciato;

A Filettino, i militari di quella Stazione hanno invece denunciato un 47enne di Ripi, gestore di un bar di quel centro, poiché trovato aperto alle 20,00 circa e con all'interno quattro avventori;

A Pontecorvo, i militari del NORM della locale Compagnia, hanno denunciato un 66enne di Piedimonte S.G., titolare di un bar ubicato in Aquino, poiché trovato aperto alle ore 04,30 circa del mattino intento a somministrare consumazioni agli avventori;

A Villa Latina, i militari della Stazione di Picinisco, hanno denunciato un 46enne del posto, gestore di un bar trovato aperto alle ore 18,40 circa, con all'interno avventori intenti a consumare bevande;

A Cassino, i militari della Sezione Radiomobile della Compagnia hanno denunciato un 57enne, proprietario di un bar del luogo, poiché in contrasto con le disposizioni permetteva il gioco alle slot machine installate all'interno del locale.