"Bisogna fare ancora di più'. E' l'esortazione del sindaco Marco Galli alla sua città. Questo il post del primo cittadino pubblicato questa mattina su Facebook:
"Abbiamo preso atto che la maggior parte delle persone ha compreso la difficoltà del momento e si sta attenendo responsabilmente alle prescrizioni. Tocca però fare ancora di più.
Per primo occorre essere assolutamente consapevoli che si deve uscire solo in casi indispensabili, tipo fare la spesa.

Poi evitare di avvicinarci a meno di un metro l'uno dall'altro, qualcosa in più sarebbe meglio.
Nei locali bisogna attenersi scrupolosamente a queste distanze per evitare che ambienti chiusi favoriscano eventuali contagi. Per ora stiamo dimostrando di essere una comunità responsabile è dobbiamo continuare così.

Ovviamente, ci saranno controlli finalizzati a far rispettare le prescrizioni e non ci sarà alcuna tolleranza nei confronti di qualunque violazione. Non è un momento facile e tutti, donne e uomini, giovani e anziani, devono contribuire a sconfiggere questa minaccia invisibile e temibile. Ce la faremo in breve tempo soltanto se combatteremo tutti insieme.
#iorestoacasa".

Ceprano ancora non si è fermata totalmente. Bar, ristoranti, coiffeur ed attività commerciali varie hanno momentaneamente chiuso, ma in queste ore circolano auto, troppe. Le persone devono capire che è emergenza e che bisogna stare a casa.

I tre casi positivi al Covid-19 e purtroppo il primo decesso registrati in città (uniti ai dati generali della Ciociaria: 12 casi positivi fra cui due decessi), testimoniano la gravità della situazione ed i rischi concreti in quanto ci potrebbe essere un'evoluzione dei contagi in corso che può essere arrestata solo restando chiusi in casa ed evitando contatti. Occorre responsabilità.

Intanto, la moglie di Mario Ippoliti, l'ottantacinquenne deceduto, resta in rianimazione in condizioni gravi, ma stabile; il 47 enne ricoverato ieri pare sia in discrete condizioni. Si aspettano però gli esiti dei vari tamponi effettuati. Solo fermandosi, uniti, si può arrestare il killer silente.

di: Simonetta Sciré