Oggi sono fortunatamente rimasti stabili ad otto i casi positivi al Coronavirus registrati in Ciociaria. Nessuna variazione, quindi, rispetto a ieri quando si era invece verificata, nei confronti di venerdì, una vera impennata con 3 casi in una sola giornata (tutti nell'ospedale di Cassino) e con il totale passato, di conseguenza, da 5 ad 8. 

Purtroppo, però, se da un lato la giornata odierna ci ha regalato un dato significativamente positivo, dall'altro ce ne ha consegnato un altro molto negativo: nella notte scorsa, infatti, presso l'ospedale "Santa Scolastica" di Cassino, è morto un 85enne di Ceprano - non 75enne come scritto dalla Regione (ex dipendente Anas, sposato, padre di tre figli) che vi era ricoverato da alcuni giorni per altre patologie. L'uomo era stato sottoposto a tampone che è poi risultato positivo e quindi si è parlato di primo morto da Coronavirus in provincia di Frosinone. 

Questa comunque è la situazione alle 21.30 di domenica 8 marzo in riferimento alle persone risultate contagiate sul territorio provinciale. L'elenco è formulato in base all'ordine cronologico nel quale i casi sono stati ufficializzati dalle autorità sanitarie preposte. 

1. La commerciante 65enne di Fiuggi risultata positiva dopo un viaggio di lavoro in Lombardia: è stata lei la prima persona positiva al virus cinese nella provincia di Frosinone, la "Paziente 1". La donna è tuttora allo Spallanzani di Roma in condizioni definite discrete e stabili.

2. L'anziano 81enne proveniente dal Molise ma ricoverato per giorni al "San Raffaele" di Cassino, struttura sanitaria privata in gran parte messa in quarantena. L'uomo è allo Spallanzani in condizioni un po' più serie per via di altre patologie ma sembra essere anche lui stabile.

3. La giovane figlia della commerciante fiuggina: la ragazza è risultata positiva al tampone per via degli strettissimi e ovvi contatti avuti con la madre ma non ha sintomi. E' da diversi giorni a casa in quarantena in quanto non ha avuto bisogno di ricovero ospedaliero. Sta bene, come da lei stesso detto alcune ore fa nel corso del programma "Pomeriggio 5" condotto su Canale 5 da Barbara D'Urso dove è intervenuta in diretta Skype.

4. L'operaio 31enne di Sora. Il giovane da diversi giorni era ricoverato al Policlinico Tor Vergata di Roma per altre patologie. E proprio nel nosocomio romano potrebbe aver contratto il virus, visto anche che il suo compagno di stanza è sintomatico. Il 31enne, invece, risulta asintomatico e sta bene. 

5. Lo studente 32enne di Arce iscritto alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università "La Sapienza" di Roma. Il giovane comunque sta bene (avrebbe solo una leggera febbre): è nella sua abitazione di Roma dove è sotto osservazione domiciliare in quanto le sue condizioni non hanno richiesto il ricovero ospedaliero. Anche per lui, come per tutti gli altri, è in corso l'indagine epidemiologica da parte della Asl per ricostruire la sua "catena di contatti" e quindi per limitare la diffusione del virus. 

6 - 7- 8 Tre, come dicevamo, i casi accertati ieri nel reparto di Pneumologia dell'ospedale "Santa Scolastica" di Cassino. Si tratta di tre pazienti anziani, ricoverati nella struttura da diversi giorni per altre patologie, che avrebbero manifestato sintomi tali da rendere necessario il tampone. E il risultato è stato positivo per tutti e tre. Tutti sono stati posti in isolamento fin dai primi sintomi. E il reparto è stato chiuso.
Dei tre positivi, due sono donne e uno è uomo, tutti in età avanzata. Le due donne sono state trasferite dal "Santa Scolastica" di Cassino allo "Spaziani" di Frosinone, dove si trovano nel reparto di Terapia Intensiva (una delle due è la moglie 87enne dell'85enne di Ceprano morto nella notte scorsa all'ospedale di Cassino). L'uomo, invece, è stato trasferito, sempre dal "Santa Scolastica" di Cassino, all'ospedale "Spallanzani" di Roma. 

9. All'elenco va aggiunto, purtroppo, il già ricordato 85enne di Ceprano morto all'ospedale di Cassino la notte scorsa.