Seguendo le disposizioni del sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, di concerto con le indicazioni impartite dalla Prefettura di Frosinone, a partire da giovedì 12 marzo, la Polizia locale, coordinata dal comandante Donato Mauro, effettuerà controlli nei locali pubblici al fine di verificare il rispetto del decreto emesso dal Governo in materia di contrasto e prevenzione del Covid-19. 

"I gestori di attività di ristorazione – si legge nel documento firmato dal Presidente del Consiglio - possono continuare a tenere i locali aperti, a condizione che garantiscano la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, pena sanzione in caso di violazione". Per questo motivo, gli uomini della polizia locale accerteranno, dal giovedì alla domenica e anche in orario notturno, che non si creino assembramenti e affollamenti nei locali e nei luoghi di incontro, verificando, inoltre, la presenza di procedure di ingresso contingentato (che prevedano, cioè, l'accesso diversificato a seconda dell'orario, con un numero di persone tale da permettere la distanza di circa un metro l'una dall'altra).

"Del resto - ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani - le prossime settimane saranno proprio quelle in cui è previsto il maggior picco della diffusione del virus anche nelle regioni del centro-sud Italia, ragion per cui appare indispensabile qualche accortezza in più e, soprattutto, conciliare le esigenze connesse alle relazioni sociali con quelle della salute e della sicurezza urbana".