Stop al mercato settimanale del venerdì, in programma domani 6 marzo; soppressione degli incontri culturali programmati nella Biblioteca comunale; installazione nelle varie sedi comunali di dispenser con sostanze igienizzanti; dotazione di mascherine, guanti e igienizzanti per il personale comunale impegnato in servizi domiciliari. Soprattutto, applicazione sull'intero territorio comunale delle disposizioni contenute nel decreto varato ieri sera dal Consiglio dei ministri e valide per tutta l'Italia. 

Sono queste le più importanti decisioni assunte dal Comitato di Direzione che si è riunito in mattinata presso la sala consiliare nel Palazzo Conti Gentili. Dell'organismo, presieduto dal Sindaco Giuseppe Morini, fanno parte gli assessori della giunta comunale e tecnici del Sisp della Asl di Frosinone. 

"In questo momento - ha dichiarato Morini - la nostra principale preoccupazione, in linea con le direttive del Governo, è quella di adottare misure che limitino il contatto fra le persone e quindi il possibile diffondersi del coronavirus. Per prima cosa, quindi, è stato deciso di sospendere il mercato settimanale in quanto appuntamento che solitamente attira centinaia di persone che si ritroverebbero in spazi molto stretti. Per lo stesso motivo abbiamo deciso di stoppare gli eventi culturali che erano programmati in biblioteca. In chiave di prevenzione, inoltre, saranno installati nelle varie strutture comunali appositi dispenser con soluzioni igienizzanti, mentre mascherine e guanti saranno distribuiti al personale comunale che per motivi di lavoro deve recarsi nelle abitazioni private".

"Ancora - ha aggiunto Morini - per quanto di nostra competenza adotteremo già da oggi (giovedì 5 marzo) misure idonee ad evitare che le persone si trovino a meno di due metri di distanza e contemporaneamente negli stessi luoghi. A tal fine, in tutti gli uffici comunali nei quali non sarà possibile rispettare la distanza di sicurezza (ad esempio l'Anagrafe o l'ufficio Urbanistica) sarà vietata la contemporanea presenza di più persone, le file verranno organizzate all'esterno dei locali, si entrerà un paio alla volta e si cercherà di incentivare gli appuntamenti e l'uso dei canali telematici. L'obiettivo, come detto prima, è evitare situazioni di affollamento che potrebbero favorire i contatti ravvicinati e i possibili contagi. Sarà nostra premura - ha concluso il Sindaco - applicare con scrupolo le direttive governative e sensibilizzare la popolazione al loro rispetto".