Solidarietà per Ousmane, il giovane ivoriano che alcuni giorni fa è morto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava in fabbrica: si raccolgono infatti fondi per poter trasferire in patria la salma del ragazzo.

La tragedia che ha colpito il mondo del lavoro e della solidarietà, con la morte del giovane operaio travolto da una lastra di calcestruzzo, ha scosso anche gli animi meno sensibili. L'associazione Sconfinatamente sta promuovendo una raccolta di fondi da utilizzare per la traslazione della salma di Ousmane Sidibe in Costa d'Avorio: si tratta di un'operazione complessa e costosa, che richiede interventi particolari, addirittura una sorta di mummificazione, prescritti dai trattati internazionali.

LEGGI ANCHE: Giovane muore in fabbrica schiacciato da una lastra di cemento

Alla raccolta partecipano i docenti e gli alunni del CPIA, presso la cui sede anagnina Ousmane aveva seguito corsi di alfabetizzazione e di formazione. Nella foto, Ousmane (indicato dalla freccia) con colleghi, amici ed autorità, sulla scalinata della chiesetta di San Pietro in Vineis, nel cortile del Convitto Principe di Piemonte.