Marzo è il mese della consapevolezza sull'endometriosi, una patologia cronica ed invalidante che colpisce più di 150 milioni di donne al mondo, 3 milioni solo in Italia.
Il 28 marzo si svolgerà la giornata mondiale per l'endometriosi e, per questa importante occasione, si sta cercando di coinvolgere i comuni della provincia di Frosinone chiedendo di aderire alla campagna di illuminazione di un monumento partecipando a #facciamolucesullendometriosi.

Questo l'appello di Giulia Capobianco una delle donne della provincia di Frosinone affette da Endometriosi che ha deciso di metterci la faccia promuovendo questa battaglia di sensibilizzazione. «Alcuni negozianti, sensibili al messaggio, hanno deciso a modo loro di sostenere il nostro progetto, colorando le vetrine dei negozi di giallo. Chiedo a chi ha un'attività commerciale, di aderire a questa iniziativa, decorando di giallo le vetrine dei vostri negozi in occasione della #Endomarch Mondiale, che si terrà a Roma il prossimo 28 marzo.
Basta un fiocchetto, una gonna su un manichino, purché sia giallo il nostro colore. Rendiamo visibile ciò che è invisibile. Hanno già aderito al nostro appello i Comuni di Isola del Liri e Sora.
Spero che altre amministrazioni aderiscano all'iniziativa, come nell'ottobre rosa. La nostra pagina Instagram è #Endomarch_italy aiutateci a farla crescere».

L'endometriosi è una malattia subdola, di cui non si conoscono le cause, difficile da diagnosticare e da curare. L'endometriosi è dolorosa e invalidante che può cambiare radicalmente la vita di chi ne soffre. Ogni anno in concomitanza con la festa della donna si rinnova la Settimana Europea della Consapevolezza dell'Endo metriosi istituita nel 2005 dalla European Endometriosis Alliance e la Giornata Mondiale dell'Endometriosi nata negli Stati Uniti per sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni.