Emergenza cinghiali, adesso le istituzioni fanno squadra e si prova ad intervenire. «Dopo il lavoro portato avanti insieme negli scorsi mesi dal Comune di Cassino ed il Parco su sollecitazione di tanti cittadini - annuncia il sindaco Enzo Salera - arriva lo studio scientifico per il piano di prevenzione del Parco dei Monti Aurunci. La presenza di cinghiali, infatti, ha messo a rischio l'incolumità degli automobilisti, le culture e lo stesso ecosistema nell'area Monumentale di Montecassino».

L'area sotto la gestione ambientale del Parco dei Monti Aurunci, ora sarà oggetto di un piano di studio per riduzione degli esemplari anche eventualmente attraverso mirate catture con il posizionamento di gabbie e, in extrema ratio, con un piano di abbattimenti. La delibera che dà il via libera allo studio del fenomeno dei cinghiali nell'area di Montecassino è stata approvata dal presidente del Parco, Marco Delle Cese: «Sono necessarie misure efficaci per prevenire e gestire i danni provocati dalla fauna selvatica, in particolare cinghiali in questa area».