Il Ministero dell'Istruzione in attesa dell'adozione formale dell'ordinanza prevista dal decreto approvato in Consiglio dei Ministri, per motivi precauzionali, ha deciso di sospendere tutti i viaggi di istruzione a partire dalla data di ieri fino a scadenza da stabilirsi

«Il Consiglio dei Ministri, nella serata di sabato 22 febbraio, - precisa il ministero in una sua nota ufficiale - ha definito apposite misure per evitare la diffusione del Covid-19 e ulteriori misure di contenimento. Fra le decisioni adottate, anche quelle relative alla sospensione delle uscite didattiche e dei viaggi di istruzione delle scuole, in Italia e all'estero».

L'Associazione nazionale presidi (Anp) chiede che sia fatta immediata «chiarezza sulla questione viaggi di istruzione». In particolare, in una nota viene sottolineato che «non è chiaro su quale soggetto ricadrebbero i costi delle sospensioni adottate». «Per evitare l'apertura di contenziosi sfavorevoli per le scuole – e per le tasche dei genitori – chiediamo che il Ministero chiarisca immediatamente cosa devono fare i numerosi colleghi che già in queste ore hanno numerose partenze programmate, generalmente per mete non interessate dal contagio».