La direzione dell'ospedale "Spallanzani" di Roma ha diramato poco fa il nuovo bollettino medico, il numero 24 del 23 febbraio, in merito ai ricoveri per il Coronavirus. 

"La coppia di cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, casi confermati di COVID – 19 - è scritto nella nota del nosocomio - continua ad essere ricoverata nel nostro Istituto.
Il marito sta meglio, non necessita di terapia con ossigeno, si alimenta autonomamente e
ha ripreso la deambulazione autonoma con appoggio. Risulta negativo ai test per la
ricerca del COViD-19.

LEGGI ANCHE: Frosinone: "Ho la febbre e sono stato coi cinesi". E' paura

La moglie, vigile e orientata, è in respiro spontaneo è ancora ricoverata in terapia
intensiva, e non necessita più di supporto ventilatorio. Necessita ancora di monitoraggio
per la presenza di patologie preesistenti. Il giovane studente italiano proveniente dalla città di Wuhan è ancora ricoverato ed è in ottime condizioni di salute e di umore

LEGGI ANCHE: Frosinone, torna dalla Cina e se ne va in giro senza problemi

Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione, 93 pazienti sottoposti al test per la ricerca del nuovo coronavirus. Di questi, 66, risultati negativi al test, sono stati dimessi.
Ventisette i pazienti tuttora ricoverati: due sono i casi confermati di COVID - 19 (la coppia cinese). Ventitré sono i casi sottoposti al test che risulta tuttora in corso. Due sono i casi che rimangono ricoverati per altri motivi. In caso di evoluzioni del quadro clinico, verranno dati immediati aggiornamenti".

LEGGI ANCHE: Coronavirus: contagi ben oltre quota cento. Stop a gite e sport

Fin qui il bollettino dello Spallanzani, che come sempre non entra nel merito dei singoli casi, a parte quelli già conclamati da tempo. Ovviamente c'è anche grande attesa e ansia per conoscere cosa è stato dell'uomo che ieri si è presentato al pronto soccorso dell'ospedale di Frosinone accusando febbre alta e affermando di avere avuto contatti recenti con persone cinesi e che, per questo motivo, è stato trasferito proprio allo Spallanzani per accertamenti. Si è cioè in attesa di sapere se è stato ricoverato o meno e, in caso positivo, se è stato sottoposto ai test per l'accertamento della presenza del temibile virus cinese. Nelle prossime ore si dovrebbe sapere qualcosa in più.