Un'intera comunità contro i bulli e i vandali. Dopo i fatti della scorsa settimana, quando un gruppo di giovanissimi ha scatenato la sua furia vandalica in piazza Mayer Ross, nel centro della città, il sindaco Roberto De Donatis ha chiamato a raccolta i dirigenti scolastici e i loro delegati ieri mattina in municipio, chiedendo di lanciare, insieme al Comune, un messaggio forte e ben chiaro.

«Sentiamo l'esigenza di connettere in un sistema a rete tutte le realtà territoriali chea vario titolo possano essere utili alla causa comune per evitare questo fenomeno tra i ragazzi in fase preadolescenziale che, seppure in forma marginale, è potenzialmente pericoloso per le possibili emulazioni che è in grado di suscitare nei coetanei ha detto il primo cittadino L'amministrazione si fa promotrice di un'iniziativa in grado di coinvolgere oltre agli istituti comprensivi che hanno dato immediata adesione con progetti che fanno parte già del piano formativo scolastico, le famiglie,le associazioni, in modo particolare quella dei genitori,le forzedell'ordinee icomitati di quartiere. A breve farò una nota che invierò a tutte queste agenzie educative».

Il sindaco ha inoltre ribadito il piano dell'amministrazione sulla videoserveglianza. «La prossima iniziativa sarà la messa in funzione delle telecamere in piazza Mayer Ross ha detto ma destineremo delle somme in bilancio anche per l'acquisto e l'installazione di telecamere nel parco Santa Chiara e in altri punti strategici della città, come ad esempio in piazza Alberto La Rocca, vicino alla chiesa di Santa Restituta». Forse non basterà a fermare l'inciviltà e il vandalismo, ma potrà dare una mano a identificare chi compie gesti del genere.