Stalkerava la ex moglie da tempo, tanto che era stato sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento a meno di 100 metri dai luoghi frequentati dalla donna e di comunicare con la stessa. Ma non è bastato neppure questo perché l'uomo, un 59enne, ha continuato a vessarla con telefonate, tentativi di avvicinamento e frasi ingiuriose. Il tribunale ha disposto l'aggravamento della misura in atto e l'uomo è finito ai domiciliari.

La vicenda
I carabinieri hanno eseguito un provvedimento degli arresti domiciliari emesso dal Tribunale di Frosinone nei confronti di un 59enne del luogo, già censito per reati contro il patrimonio e la persona. Il provvedimento odierna è stato emesso a carico del predetto (già sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento a meno di 100 metri dai luoghi frequentati dalla sua ex moglie e di comunicare con la stessa), poiché in più occasioni ha violato le prescrizioni imposte, mediante reiterate telefonate e tentativi di avvicinamento proferendo frasi ingiuriose verso la stessa. I militari operanti, al fine di arginare tale pericolo e porre fine alle continue vessazioni cui la donna era soggetta, hanno richiesto ed ottenuto l'aggravamento della misura in atto. L'arrestato, espletate le formalità di rito, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.