L'influenza continua a colpire nel Bel paese. Secondo gli esperti dell'Istituto superiore di sanità "ci si avvicina al picco epidemico stagionale". Il numero di casi di sindromi influenzali stimati nell'ultima settimana dal 27 gennaio al 2 febbraio è pari a circa 795.000, per un totale dall'inizio della sorveglianza, di circa 4.266.000 casi.

Il livello di incidenza raggiunto si colloca, per ora, "all'interno della soglia di intensità media", precisano gli esperti dell'Iss. L'incidenza totale nel nostro Paese è pari a 13,2 casi per mille assistiti.
E ancora una volta i più colpiti sono i bambini al di sotto dei cinque anni, con un'incidenza pari a 39,8 casi per mille assistiti.

Ma anche i giovani e gli adulti fanno i conti con il virus dell'influenza: nella fascia di età 5-14 anni l'incidenza è di 28,17 casi per mille, a 15-64 anni è di 10,23 per mille, mentre tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni scende a 3,86 casi per mille assistiti. Val D'Aosta, Lombardia, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise e Basilicata sono le regioni maggiormente colpite. In questo periodo dell'anno si è indubbiamente vicini al picco.